CANTANTE NEOMELODICO NAPOLETANO MINACCIATO DALLA MAFIA PERCHE' SI ERA RIFIUTATO DI SALUTARE I PARENTI DEI BOSS DAL PALCO A PALERMO

"Non prendo le distanze dalla mafia e dalla camorra perchè io penso solo a cantare. Non ho problemi a salutare i detenuti per mafia o camorra perche' sono persone che soffrono come tante altre, non sta a me giudicarli". Lo spiega Vittorio Ricciardi, 29enne cantante neomelodico napoletano, parlando nel corso di un'intervista radiofonica su Crc dell'episodio che lo ha visto coinvolto nei giorni scorsi a Palermo quando alcuni esponenti di un clan locale gli avrebbero negato la possibilità di esibirsi per aver rifiutato di salutare dal palco i parenti dei capimafia detenuti. "L'intera vicenda è stata però interamente smentita dallo stesso cantante che non solo ci ha detto di non aver mai avuto rapporti e pressioni dal clan ma anche che continua ad esibirsi regolarmente a Palermo dove terrà un concerto proprio lunedi' prossimo", spiega il commissario regionale dei Verdi campani, Francesco Emilio Borrelli, che ha dialogato con Ricciardi nel corso della diretta radiofonica.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.