PROCESSO UDEUR, RINVIATA L'UDIENZA A MAGGIO PER DEI DIFETTI DI NOTIFICA AGLI INDAGATI

Senza sorprese la prima udienza del processo nato dall'inchiesta su esponenti politici di primo piano in Campania dell'Udeur, a partire dal presidente del consiglio regionale Sandra Lonardo, che coinvolse anche l'allore ministro della Giustizia Clemente Mastella nel gennaio 2008. Per difetti di notifica ad alcuni dei dieci imputati, il presidente dell'undicesima sezione del tribunale di Napoli Carmelo Barbuto ha disposto il rinvio al prossimo 17 maggio. Per l'ex assessore regionale Andrea Abbamonte, inoltre, disposto uno stralcio e il reinvio della sua posizione al gup per vizi formali. In aula, oggi, solo alcuni degli imputati, tra cui l'ex assessore regionale Luigi Nocera. Il rinvio a giudizio di Lonardo, Abbamonte, Nocera, dei consiglieri regionali Ferdinando Errico e Nicola Ferraro, del consuocero dei Mastella Carlo Camilleri, del decente universitario Felice Casucci, del giudice amministrativo Ugo di Maio e dell'ex segretario del Tar della Campania Vincenzo Lucariello era stato disposto il 26 ottobre scorso dal gup Sergio Marotta. Sandra Lonardo è sotto processo per un solo capo di imputazione, una concussione ai danni del direttore dell'azienda ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta perche' si rifiutava di dare incarichi a primari e dirigenti vicini all'Udeur. Abbamonte, Camilleri e Nocera, oltre che di corruzione, devono rispondere di una presunta concussione ai danni del presidente della Regione Antonio Bassolino perche' nominasse un commissario dell'area di sviluppo industriale sannita secondo le indicazioni di Mastella; Lucariello e di Maio di rivelazione di segreto d'ufficio.

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.