INTIMIDAZIONI ALLA GIORNALISTA DEL MATTINO ROSARIA CAPACCHIONE GIA' SCORTATA PERCHE' I CASALESI VOGLIONO AMMAZZARLA

Libreria Feltrinelli, piazza dei Martiri, salotto di Napoli. Presentazione del libro della giornalista Daniela De Crescenzo su ‘O Cecato’ ovvero Giuseppe Setola, sanguinario camorrista del clan dei Casalesi, fortunatamente arrestato. Sala gremita. In prima fila magistrati superscortati, ufficiali dei carabinieri, poliziotti. Tra i relatori c'è Rosaria Capacchione, cronista del Mattino, anche lei scortata perchè i casalesi vogliono ucciderla. E', in un contesto all'apparenza tranquillo, che alcuni familiari di Antonio Iovine, padrino del clan dei casalesi, tra i primi dieci superlatitanti più pericolosi in circolazione, bloccano Rosaria Capacchione per chiederle se non reputasse eccessiva la condanna ad un loro fratello che aveva aiutato Setola nella sua fuga. Non è una minaccia di camorra diretta, certo una intimidazione… che ha preoccupato anche il direttore del Mattino, per il clima che si respira intorno alla sua giornalista…

Commenti

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.